Randonnée del Solstizio d’ Inverno II, 21-12-2013

dicembre 24, 2013 § 14 commenti

La Randonnée del Solstizio d’ Inverno è nata quasi per gioco lo scorso anno dopo che avevo visto un video su Vimeo. Giro di mail e ci ritroviamo in otto alla partenza. Solo in sei concluderanno la prova ed io sono tra i due che non ce la fanno.

L’ esperienza mi fa capire che la prova è fattibile, così quest’ anno decido di chiedere l’ omologazione ACP e la ottengo. Mi aspetto così una ventina di partecipanti, a ben sperare trenta. Poi arriva la mail di Fulvio (Gambaro) e il relativo inserimento nel calendario del Ciclofachiro e le iscrizioni aumentano. Alla fine circa sessanta ciclisti concluderanno la prova (tra iscritti ufficiali e non) un numero esagerato considerando il periodo e soprattutto le previsioni meteo non proprio favorevoli. Per me un traguardo personale, ma soprattutto uno stimolo enorme a continuare in quello che faccio, come lo faccio.

Grazie.

Ma torniamo al Solstizio.

Venerdì sera alle 23:00 sono ancora in garage a finire di montare la mia Colossal (le dedicherò un post in settimana sulle specifiche di montaggio e prime sensazioni di guida, ottime!!!), quindi per me niente giro di prova prima della rando, farò il test direttamente sulla distanza dei 200km. Dopo una breve uscita intorno a casa per verificare il nuovo sistema di illuminazione me ne vado a letto.

La giornata di sabato la passo al lavoro, in pausa pranzo ne approfitto per riempire le borse e preparare i vestiti. Nella frame bag trovano posto: una maglia di lana a manica lunga, copriscarpe impermeabili (che non sono impermeabili), due scaldini per mani e piedi, due bottiglie di Ensure Plus, pompetta e due brugole giusto se dovessi cambiare la posizione in sella. Altre calorie nella Gas Tank sul tubo orizzontale: un’ altra bottiglia di Ensure Plus, due razioni K, due barrette, due gel. Non dovrei avere problemi per tutta la notte in quanto a energia.

La bici così allestita mi piace un sacco, fa molto “Mad Max” (ed è piaciuta anche in rete, la foto dell’ allestimento per la rando è finita su Explore di Flickr!).

Solstizio 2013 001

Alle 19:15 esco di casa in bici, la Vale mi fa una foto, carica i documenti in macchina e mi raggiunge al bar, mi darà una mano con la distribuzione dei documenti (alla piccola Eva questa sera ci pensano i nonni!).

Solstizio bar

I randagi arrivano e subito noto le giacche bagnate di pioggia. E la cosa non mi piace. Uno dei fattori che può cambiare drasticamente l’ esito di una rando come questa è il clima. Pedalare tutta notte sotto l’ acqua in Dicembre può trasformarsi in un incubo. Per fortuna la temperatura registrata non è quella solita di questo mese, resterà intorno ai 5/6° per tutta la notte facendoci concludere la prova senza troppi problemi.

briefing

Dopo un piccolo briefing alle 20:30 partiamo in direzione nord; un po’ di salita ci porta a Santa Massenza che raggiungiamo tutti insieme. Si risponde alla domanda sulla carta di viaggio e via di nuovo verso Arco, questa volta in discesa. C’ è ancora un po’ di traffico sulla statale ma niente di importante. Arriviamo al Bar Conti di Arco dopo meno di due ore e poco più di 40km fatti. Visto che sono in anticipo di 15′ sulla tabella di marcia me la prendo comoda e decido di bermi un thè caldo. Fuori scalpitano già e la maggior parte del gruppo riparte in men che non si dica. Li lascio andare, voglio godermi in tranquillità questa lunga notte dicembrina.

E’ ora di andare, il viaggio è ancora lungo e possibilmente vorrei arrivare a Peschiera prima della chiusura del McDonald’s. Al bar ho appena fatto conoscenza con un gruppo di ragazzi di Brescia (e uno da Roma!); per loro è la prima randonnée. Non sono i soli ad avere scelto il Solstizio come prima esperienza e devo dire che la cosa mi stupisce. Usciamo insieme e ci avviamo verso il Garda. Belle bici tutt’ intorno, l ‘acciaio finalmente la fa da padrone: c’ è la mia Colossal, la Pacer di Francesco, la Sutra di Rinaldo e ben quattro Legor artigianali! Eh sì, come scoprirò tra poco tra i ragazzi c’ è anche Mattia Paganotti, artigiano telaista fondatore di cicli Legor. E’ un piacere averlo ospite alla mia rando e poterlo conoscere di persona. Prima rando ma lo spirito è quello giusto, abbiamo bisogno di gente come voi ;)

Verso Peschiera

Come raggiungiamo il lago inizia a piovere. Non ci voleva. E’ una pioggerella fine ma bagna sia i vestiti che l ‘asfalto e in pochi minuti ho i piedi a mollo nonostante i copriscarpe. Me ne faccio una ragione e proseguiamo, per fortuna non è freddo.

Siamo quasi a Peschiera quando un incidente meccanico ci obbliga alla sosta. Mattia rompe la catena e ovviamente nessuno ha uno smagliacatena. Che si fa? Provo a telefonare a qualcuno del gruppo avanti ma non mi rispondono, così decido insieme a Rinaldo (una locomotiva quando si mette a tirare!) di raggiungere il più in fretta possibile il controllo nella speranza di trovare ancora qualcuno. In pochi minuti ci siamo e per fortuna troviamo anche uno smagliacatena! I ragazzi arrivano spingendo Mattia, catena riparata, l ‘avventura continua (lezione da imparare, MAI senza smagliacatena!).

McDonald's

E’ da poco passata l’ una di notte, il Mc sembra un campo di battaglia: i randagi si sono sparpagliati per tutto il ristorante, scarpe e calzini bagnati ovunque. Per fortuna fuori ha smesso di piovere. Dopo una lunga pausa ci rimettiamo in marcia, insieme.

La traversata del basso lago è sempre un po’ noiosa. Abbiamo tutti sonno, proviamo una sosta caffè ma il bar è già chiuso. Si procede.

Shell

Sono le tre e trenta quando raggiungiamo Toscolano Maderno al km 152. Il controllo consiste nel rispondere ad una domanda sulla carta di viaggio. Nel frattempo ci siamo un po’ separati, ormai mancano pochi chilometri all’ arrivo, la stanchezza  si fa sentire ed ognuno procede col proprio passo. Si rimette a piovere, forte. L’ obbiettivo di tutti è arrivare alle gallerie che offriranno un po’ di riparo.

Galleria

La notte cede il passo al giorno, è ancora buio ma già si sentono gli uccellini cinguettare, il Solstizio d’ Inverno volge al termine e noi lo abbiamo passato tutto in sella.

Alle 05:35 sono ad Arco, il bar funziona a pieno regime (grazie Pio ed Andrea per la disponibilità e grazie alle ragazze che ci hanno aperto), facce assonnate ma contente. I randagi consumano la colazione, strette di mano, auguri, e la consegna della meritata spilla a ricordo “dell’ impresa”.

A poco a poco tutti tornano a casa, gli ultimi arrivano, tutti sani e salvi, nessun problema, nessun incidente. Posso rilassarmi anch’ io, è finita.

Un saluto particolare a tutti quelli che hanno condiviso la strada con me, avete reso questa esperienza ancora più bella, grazie. E anche stavolta ho imparato qualcosa da voi.

Tutte le foto sul set di Flickr.

Alla pagina dedicata la lista degli omologati e finisher.

 

About these ads

Tag:, , ,

§ 14 risposte a Randonnée del Solstizio d’ Inverno II, 21-12-2013

  • Emiliano scrive:

    Prima di tutto complimenti a tutti per l’impresa ma specialmente complimenti a te per la voglia e la passione che metti nelle cose che fai.
    Sei un esempio da seguire.
    Ps attendo con ansia di vedere e leggere i commenti sulla tua colossal.
    Io sto valutando seriamente la versione in titanio(cosa il doppio il telaio),pero’ l’ago soldi pende sull’acciaio.
    Il mio problema e’ che avendo gia una nevi(equipaggiata rando) e una litespeed(montata light)vorrei la colossal dello stesso pregiato materiale.
    Saluti Emiliano.

    • fabiorandonneur scrive:

      Ciao Emiliano e grazie.
      Devo dire che al titanio ci avevo pensato anche io, il modello 2014 è veramente bello ma alla fine ho scelto l’ acciaio perchè mi rispecchia di più.
      Se hai bisogno di un preventivo contattami pure senza problemi.

  • Pietro Ghidelli scrive:

    Una bella avventura!!Complimenti Fabio,non tanto x il percorso(il lago di Garda già fatto e rifatto,anche se l’atmosfera natalizia l’ha reso unico)ma x il grande impegno,la passione che ci metti in quello che fai! Arrivederci x le altre Rando Trentine!! Auguri!!

  • Umberto scrive:

    Veramente un grande successo, nonostante il tempo “variabile” all’arrivo tante facce strafelici, bravissmo.

    ciao Umberto

    P.S. proprio bella la tua colossal

  • Roberto Paoli scrive:

    Che bello leggere i tuoi articoli.mi piacerebbe molto partecipare a qualche bel giro.dove posso trovare il calendario di queste avventure?

    PAOLI ROBERTO Berg-u.Skifuehrer, Guide de Montagne, Guida Canyoningfuehrer,Guide de Canyoning

    Date: Tue, 24 Dec 2013 23:24:31 +0000 To: robicanyoning@hotmail.com

  • Emiliano scrive:

    Domanda un po banale forse,ma i mozzi per le bici da corsa a disco sono da mtb?

    • fabiorandonneur scrive:

      Ciao Emiliano, domanda non banale per chi si avvicina al disco. Per l’ anteriore, come in questo caso il mozzo dinamo della SON, la battuta della forcella corsa e mountain bike è la stessa (100mm), quindi il mozzo non cambia. Dovrai solo scegliere se attacco disco 6 fori o center lock.
      Per il posteriore invece è diverso. Le bici da corsa hanno normalmente una battuta (la distanza interna tra i due forcellini) di 130mm, le mtb 135mm. Nel caso della mia Salsa Colossal però la battuta è da 135mm come una mtb, quindi ho potuto montare un mozzo da mtb dell’ American Classic compatibile però anche con le 11 velocità.

  • Ciao Fabio e buon Natale! Grazie per il tuo lavoro di organizzatore. La rando del Solstizio quest’ anno é stata notevole sotto più punti di vista: numero di partecipanti, meteo, esperienza vissuta. Sono stato benissimo sia per il meteo che per il sonno che per come sono riuscito a pedalare: entusiasta! Non ho mai subito il percorso o l’ ora o la pioggia. Purtroppo ti devo confessare una cosa: quando il ragazzo del “gruppo Legor” ha rotto la catena ero poco più avanti. Non ho capito servisse uno smagliacatena: io lo avevo in borsa!! Eravamo poco più avanti e sapevamo che eravate in diversi quindi ho stupidamente pensato che non avreste avuto problemi. Mi dispiace, ho sbagliato. Sarei dovuto tornare indietro quel poco che serviva. Anche questa volta ho imparato qualcosa. Se può servire, dico solo che iniziavo ad essere un po’ cotto, ma ciò non giustifica.

  • stefano scrive:

    ciao ti volevo fare i miei complimenti per la rando.

  • massimo scrive:

    Ciao Fabio complimenti davvero per la buona riuscita della randonnèe .Devo anche dire che il giro fatto con la prima parte verso Massenza , risulta più bello rispetto a quello fatto nel 2012 , anche se le strade risultano essere le stesse . Durante tutto il giro, ho notato in tutti la voglia di pedalare , del stare in compagnia , di assaporare la bellezza della notte, cosa non sempre scontata . A Salò siamo riusciti anche a fare una decina di km in più , poco male , è servito solo a fare un buon cambio di ritmo .
    Complimenti ancora Fabio alla prossima . ps Ho visto delle biciclette davvero belle e anche due ragazzi con lo scatto fisso. MITICI
    Un augurio di buona vita a tutti

  • […] distanze, e li si esprime al meglio. Io l’ ho “rodata” con un’ uscita di 200km e mi ci sono trovato benissimo da subito. Niente dolori vari o indolenzimenti al termine. E’ […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Randonnée del Solstizio d’ Inverno II, 21-12-2013 su Randonneur e dintorni.

Meta

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 203 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: