Randolario 2011, 200km ACP

“Il primo passo verso la Paris-Brest-Paris”.

Di solito i ringraziamenti li metto in coda, ma non questa volta. Era la mia terza Randolario e per la terza volta di fila Roberto Maggioni e i suoi Formaggini non hanno deluso le aspettative, anzi. Nonostante i problemi dell’ ultim’ ora (una frana a due giorni dalla partenza ha obbligato l’ organizzazione ad un repentino cambio del percorso, con conseguente modifica del road-book e della cartina, nonchè riposizionamento della segnaletica nei paesi attraversati, cosa peraltro non dovuta ma sempre gradita) e le previsioni meteo che davano pioggia mista a neve per tutto il giorno, ci siamo ritrovati a Malgrate in più di 300 randagi, un numero di partecipanti che posiziona la Randolario tra le randonnée più seguite in Italia. Dieci euro di iscrizione per colazione, tre ristori con cibo e bevande calde, pasta party finale, docce bollenti, pacco gara con due utili gadget, estrazione a sorte di premi, una grande struttura sportiva per la logistica e l’ accoglienza calorosa dell’ organizzazione che si respirava ovunque. Grazie.

Sono le 04:30 di domenica, appena esco dal cancello di casa vedo arrivare un ciclista nella notte sotto ad una leggera pioggia. E’ Michele, che a dispetto delle previsioni meteo disastrose ha deciso di accompagnarmi lo stesso in quella che si preannuncia come una giornata lunga e difficile. Dal canto mio avevo preso la decisione di partire comunque, nonostante il messaggio appena ricevuto di Andrea non lasciasse spazio alla fantasia: “Piove a dirotto e 3°”.

Quasi non lo diciamo per non portarci sfiga, ma a Malgrate non piove e le strade sono asciutte. Era quello in cui speravo, almeno di partire senza pioggia, guadagnare qualche ora senza bagnarsi avrebbe reso le cose più facili. La partenza alla francese è fissata alle 08:00, abbiamo giusto il tempo di andare a ritirare la nostra carta di viaggio e il “pacco gara” (un portadocumenti e un set di borse impermeabili, regali mirati per i randagi), una veloce colazione e ci mettiamo in coda per il primo timbro. Il percorso, come dicevo prima, quest’ anno è stato modificato, così invece del solito giro iniziale del lago di Malgrate, puntiamo diretti verso Erba; si farà un’ andata/ritorno sullo stesso tragitto fino a Talamona, in Valtellina, paese situato alcuni chilometri a nord dello splendido lago di Como che percorreremo in tutta la sua lunghezza sulla sponda occidentale. Il freddo è pungente, ma i continui strappetti e la voglia di restare in gruppo per i primi chilometri fanno da rodaggio a questa giornata uggiosa; pedaliamo in compagnia di Andrea, Gianluca e Matteo (con la mia ex Specialized, sempre bellissima!) fino al primo controllo di Lenno al km 52. Ci aspetta un ristoro degno di una granfondo, crostate a non finire, frutta fresca e tè caldo. Gli altri ripartono subito, so che hanno un altro passo e li lasciamo andare, io e Michele ci fermiamo qualche minuto extra, da adesso voglio prenderla con più calma e godermi la giornata, il cielo sembra che tenga e non c’ è più ragione di finire il prima possibile. Non restiamo comunque fermi più del dovuto, fa un bel freddo e la strada è ancora tanta, così alle 10:30 ci rimettiamo in marcia; c’ è un bel vento a favore che ci aiuta parecchio e procediamo spediti. Sulla strada riaffiorano i ricordi delle passate edizioni, specialmente l’ ultima, quando passando di qua con la Vale eravamo già abbastanza cotti. Oggi è diverso, c’ è una anno in più di esperienza e soprattutto meno chilometri nelle gambe.

Nei pressi di Sorico abbandoniamo il lago ed entriamo in Valtellina seguendo le indicazioni per il Passo dello Spluga, mancano ancora 20km al controllo ma si iniziano già a vedere i più veloci che stanno tornando indietro. Fa un bell’ effetto, alcuni salutano, i più tirati invece non si deconcentrano troppo e procedono a testa bassa. Le gambe girano da sole, il vento si incanala nella valle alle nostre spalle spingendo il team trentino, a cui si è aggiunto per strada Lorenzo da Levico, verso il giro di boa, Talamona, km 106. Il controllo è posizionato all’ interno di una stalla, molto caratteristico, con una buona degustazione di formaggi; anche qui la sosta è breve, il freddo è pungente, stiamo bene e ripartiamo subito dopo aver timbrato il nostro cartellino giallo, sono le 12:30, in perfetto orario.

Inizia la parte difficile, il vento che fino ad ora ci ha spinti adesso è nostro nemico, bisogna fare lavoro di squadra (anche se devo ammetter che io sono stato più dietro che davanti!) per proseguire; ci costerà mezz’ ora in più di tempo rispetto all’ andata arrivare a Leno, km 162, terzo ed ultimo controllo.

Dieci minuti di pausa, un po’ di tè caldo, qualche fetta di pandoro e ci rimettiamo in movimento non prima di aver ringraziato tutte le splendide persone dell’ organizzazione che sono rimaste tutto il giorno ad aspettarci in questo posto freddo e umido. Negli ultimi 50km rallentiamo un pochino, siamo tutti stanchi, il vento e il dislivello inaspettato (alla fine 1600mt circa) ci hanno messo alla prova. Ultima difficoltà di giornata, la salita a Tavernerio, 4km che si ricorderanno in tanti. Adesso si va spediti, 20km di leggera discesa e siamo a Malgrate, il contachilometri ne segna 216, anche questa è andata, alle 17:20 metto il timbro sul primo “biglietto” per Parigi. Ne mancano tre.

Altre foto sul set di Flickr.

14 pensieri su “Randolario 2011, 200km ACP

  1. LORENZO

    Ciao Fabio…
    Resoconto della Randolario perfetto…..
    Super felice di avervi conosciuto e spero di poter pedalare ancora assieme …. magari alla RandoRiver… ma ci si sente sicuramente prima

    Rispondi
  2. Franz

    Complimenti! Ben fatto. Belle zone! Per me sará per la prossima edizione. Interessante notare da alcune foto, che alcuni randonneur avevano preso la Randolario per una crono, considerate certe bici… De gustibus…

    Rispondi
    1. fabiozen Autore articolo

      Grazie Franz, il giro è molto bello, l’ unico neo sono gli automobilisti che in questa zona ce l’ hanno a morte coi ciclisti per qualche oscura ragione. Alle bici tirate ormai ci ho fatto l’ abitudine, anche se devo dire che questi estremi più si va avanti con il chilometraggio (dal 300 in sù) e meno se ne vedono. Poi alla fine ognuno è libero di interpretare le randonnée come meglio crede…

      Rispondi
  3. Baracca

    Bravo Fabio, la prima è nel cassetto ! Ma è adesso che il gioco si fa interessante, guarda che se non vieni a Lugo a fare il 400 me ne ho a male, perchè voglio farti vedere il ns. pasta-piada-salsiccia-dolce-party finale.
    Penso che i 300 partecipanti non fossero tutti randagi in quanto tanti g.fondisti prendono questa occasione per fare un pò di gamba lo notai 3 anni fa quando partirono “a tutta”!
    Buon proseguimento. Alfredo

    Rispondi
    1. fabiozen Autore articolo

      Alfredo, mi ricordo ancora la splendida “cena” (perchè chiamarla pasta party sarebbe riduttivo!) che avete preparato l’ anno scorso all’ arrivo della Randonnée della Romagna. Spero di riuscire a venire anche quest’ anno anche se so già che maggio sarà un mese per me molto impegnativo, ma ce la metterò tutta per esserci😉

      Rispondi
  4. Giuliano

    Ciao Fabio,
    tutto bene?
    Mi sembra d’averti intravisto alla partenza, ma non ho avuto modo di salutarti…poi durante il percorso non ti ho più visto. Ho letto il tuo racconto e devo dire che ho rivissuto tutto ciò che hai scritto. Si, l’ultima salita me la ricordo bene…avrei buttato la bici giù dalla scarpata!!!!
    Ciao e alla prossima pedalata
    Giuliano

    Rispondi
    1. fabiozen Autore articolo

      Michele grazie, la giornata è passata via più in fretta con la tua compagnia (e anche la strada visto che hai tirato per buona parte del ritorno!).

      Rispondi
      1. Michele

        Mi sono divertito proprio a pedalare assieme a lottare contro il vento, e che vento….poltrona frau…

  5. Pingback: Rescarando, 300km randonnée ACP | Randonneur e dintorni

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...